Alpinismo e storia d’Italia

Prezzo speciale 19,95 € Prezzo predefinito 21,00 €
Disponibile
Codice prodotto
NR214
Autore: Pastore A.
Collana: BIBLIOTECA STORICA
Editore: IL MULINO
Nel secondo Ottocento l’alpinismo diventa pratica diffusa, sport, modo di fare le vacanze. Dal 1863 il Club Alpino Italiano, fondato da Quintino Sella con un gruppo di amici appassionati di montagna, esprime e istituzionalizza questa nuova attività.

Spedizione Gratuita
Spesa minima per la spedizione gratuita: 50,00 €

NOTA: Valido solo per spedizioni in Italia

5%
Anno: 2003 Pagine: 290 Passata l’epoca dei primi pionieri solitari, perlopiù inglesi, che andavano alla scoperta delle Alpi, nel secondo Ottocento l’alpinismo diventa pratica diffusa, sport, modo di fare le vacanze. Dal 1863 il Club Alpino Italiano, fondato da Quintino Sella con un gruppo di amici appassionati di montagna, esprime e istituzionalizza questa nuova attività, sulle prime riservata al ceto aristocratico e borghese ma ben presto allargata a schiere di “alpinisti ciabattoni”. Nato con l’Unità, l’alpinismo del CAI accompagna la storia dell’Italia neonata ponendosi come strumento educativo della gioventù, modo di “fare gli italiani”. Così nell’evoluzione dell’alpinismo italiano si rispecchiano i miti, i valori, le istanze politiche del paese; e il nesso tra alpinismo e politica risulta fortissimo, non foss’altro perché la Grande Guerra è una guerra di montagna, e l’alpinista si trasforma in alpino, difensore dei patrii confini. Soprattutto nel Ventennio, la passione per la montagna si colora dei miti nazionalistici e patriottici: una “fascistizzazione” poi riscattata dall’”andare in montagna” dei partigiani.
Maggiori Informazioni
Autore Pastore A.
Editore IL MULINO
Collana BIBLIOTECA STORICA
Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Alpinismo e storia d’Italia
Il tuo voto

Peso

0.57 (Kg)

Spedizione con corriere in max 48 ore.

Qualora l'imballo evidenzi danni / manomissioni NON accettare la merce