Paesaggio e architettura delle regioni padano-alpine

AL012

Si

PRIULI & VERLUCCA

Oneto G.

Media Books
Dalle origini alla fine del primo millennio.

Minimum Expenditure Spesa minima per la spedizione gratuita: € 50,00

NOTA: Valido solo per spedizioni in Italia

Immagini Prodotto

Descrizione

Esiste un legame forte e preciso fra la cultura identitaria e le forme dell’abitare, siano esse costruzioni architettoniche o modalità di gestione del paesaggio. Sono i gruppi umani che plasmano il proprio spazio fisico ma ne vengono a loro volta plasmati. Si tratta di un collegamento essenziale nella comprensione delle vicende umane che è però stato stranamente poco esplorato. Gli studiosi di architettura hanno spesso trascurato l’architettura popolare come un fatto minore, marginale e subalterno. Lo stesso atteggiamento è stato troppo spesso tenuto nella storia del paesaggio, identificata con l’arte dei giardini o con lo sviluppo di vicende legate all’agricoltura. In più, le forme architettoniche sono esaminate come oggetti avulsi dal proprio contesto e il paesaggio come cosa distante dagli spazi di abitazione quotidiana; e entrambi come slegati da ogni rapporto con i ritmi dell’ambiente naturale e con gli sviluppi storici. Eppure l’architettura e il paesaggio popolare (quelli che Rudofsky ha chiamato “senza pedigree”) costituiscono il 990 per mille dell’ambiente fisico in cui si sono svolte le vicende umane per millenni, fino alle fragorose devastazioni ambientali dell’era industriale. Obiettivo di questo lavoro è di indagare le origini vere del paesaggio e dell’architettura popolare delle regioni padano-alpine, esaminandoli come il risultato di una organica evoluzione nel tempo del confronto fra le esigenze umane e i caratteri ambientali. Per capire chi siamo occorre conoscere il nostro passato, bisogna ritrovare un album di famiglia celato nei solai della storia e in cui ritrovare i volti cari dei nostri antenati veri. Ma occorre anche rivedere le immagini di come erano i nostri paesi, di come e perché le nostre case, le nostre strade, i nostri campi e i nostri panorami sono quello che sono. Ritrovando il cammino faticoso - ma anche glorioso - che ha portato alla formazione del nostro paesaggio antropizzato sicuramente lo ameremo e rispetteremo di più. E avremo anche più rispetto per noi stessi e per le nostre comunità: non più figli di nessuno ma eredi di un passato laborioso, dignitoso e anche luminoso.

Dettagli

Autore Oneto G.
Editore PRIULI & VERLUCCA
Collana QUADERNI DI CULTURA ALPINA
Lingue incluse Italiano
Anno 2002
Pagine 120

Peso

0.66 (Kg)

Spedizione con corriere in max 48 ore.

Qualora l'imballo evidenzi danni / manomissioni /  NON accettare la merce

Tags

Separa i tags con spazi. Racchiudi parole-multiple tag tra virgolette singole. Esempio: 'New York' Manhattan

Scrivi una Recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. La preghiamo di accedere al suo account o registrarsi

Recensioni utente

Questo prodotto non è stato ancora recensito. Scrivi la prima recensione.